SPENDING REVIEW: LA CONFSAL A PALAZZO VIDONI. PROFONDA INSODDISFAZIONE


Pubblicato in data 30/07/2012, nelle categorie: Personale e Scuola,

STAMPA QUESTO ARTICOLO


SPENDING REVIEW: LA CONFSAL A PALAZZO VIDONI. PROFONDA INSODDISFAZIONE PER GLI ESITI DEL CONFRONTO (COMUNICATO STAMPA)

Oggi, 30 luglio 2012, alle ore 11.00, a Palazzo Vidoni, si è tenuto il preannunciato incontro fra il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Filippo Patroni Griffi, e le Parti Sociali rappresentative sulle problematiche inerenti il pubblico impiego.

Per la parte pubblica il Ministro era accompagnato dal Consigliere Antonio Naddeo e da una delegazione ministeriale.

Erano presenti tutte le delegazioni delle Confederazioni rappresentative.

La delegazione Confsal era formato da F. Ricciato, M. Battaglia, F. Giancarlo, A. Massenti, G. Recchia.

Il Ministro, in sede di informativa, ha presentato i possibili emendamenti al decreto legge riguardanti, tra l’altro, le relazioni sindacali (esame congiunto su specifiche materie) e il sistema di valutazione e premialità.

Tutte le OO.SS. hanno espresso una valutazione fortemente critica.

I contenuti dell’intervento della delegazione Confsal sono sintetizzati nel Comunicato stampa che la Segreteria Generale ha diramato subito dopo l’incontro e che riportiamo di seguito.

 

 

Spending review: incontro con il ministro della Pubblica Amministrazione

 

CONFSAL: PROFONDA INSODDISFAZIONE PER GLI ESITI DEL CONFRONTO

CONFERMA LE AZIONI DI LOTTA

 

 

Roma, 30 luglio.  La Confsal, la quarta confederazione sindacale italiana, esprime insoddisfazione sugli esiti del confronto con il ministro Filippo Patroni Griffi.

 

La confederazione autonoma, dopo aver valutato l’informativa del ministro riguardante i possibili emendamenti al decreto legge sulla spending review, contesta il permanere della natura anomala del provvedimento, che si configura come una manovra finanziaria lontana dalla razionalizzazione della pubblica amministrazione e dal riordino del pubblico impiego.

La Confsal nei prossimi giorni valuterà nel suo complesso il provvedimento di legge e assumerà le conseguenti decisioni politico-sindacali.

Intanto, la confederazione autonoma conferma lo stato di mobilitazione e le azioni di lotta, già in atto e in fase di programmazione, da parte delle federazioni del pubblico impiego.

Il segretario generale Confsal, Marco Paolo Nigi, ha dichiarato: “L’esito negativo dell’incontro costituisce una ulteriore buona occasione perduta per trovare eque soluzioni condivise sul pubblico impiego e per evitare un altro autunno caldo”.