FASCE DI RETRIBUZIONE E DI REDDITO PENSIONABILI PER LE PENSIONI NELL'ANNO 2012


Pubblicato in data 17/03/2012, nelle categorie: Personale e Scuola, Pensione,

STAMPA QUESTO ARTICOLO


FASCE DI RETRIBUZIONE E DI REDDITO PENSIONABILI PER LE PENSIONI CON DECORRENZA NELL’ANNO 2012. MINIMALE RETRIBUTIVO PER L’ACCREDITO DEI CONTRIBUTI AI FINI DEL DIRITTO A PENSIONE. LIMITI DI REDDITO 2012 PER LA RIDUZIONE DELLA PERCENTUALE DELLE PENSIONI AI SUPERSTITI E DEGLI ASSEGNI DI INVALIDITÀ. AGGIORNAMENTO TABELLE – CIRCOLARE INPS

Come è noto, con il decreto del 18 gennaio 2012, emanato dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 18 del 23 gennaio 2012, fissa nella misura del 2,6 per cento l'aumento di perequazione automatica da attribuire alle pensioni, in via previsionale, per l'anno 2012. L’INPS con la circolare n. 38 del 14/3 u.s. , ha reso noto che:
• si è proceduto alla rideterminazione, sulla base della predetta percentuale del 2,7 per cento, del massimale di retribuzione pensionabile con l’aliquota del 2 per cento annuo e delle fasce pensionabili con le aliquote di rendimento decrescenti di cui alla tabella allegata alla legge 11 marzo 1988, n.67, e all’articolo 12 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 503;
• si è proceduto alla rideterminazione del minimale retributivo per l’accredito dei contributi ai fini del diritto a pensione, a norma dell’articolo 7, comma 1, della legge 11 novembre 1983, n. 638, e dell’articolo 1, comma 2, della legge 7 dicembre 1989, n. 389. Resta comunque fermo che il trattamento minimo per l’anno 2012 viene erogato nella misura risultante sulla base del coefficiente di perequazione automatica del 2,6 per cento stabilita con decreto ministeriale 18 gennaio 2012, salvo conguaglio in sede di perequazione per l‘anno 2013;
• sono stati rideterminati i limiti di reddito relativi all’anno 2012 ai fini della riduzione percentuale delle pensioni ai superstiti e degli assegni di invalidità a norma dell’articolo 1, commi 41 e 42, della legge 8 agosto 1995, n. 335.