DIRIGENTI SCOLASTICI – PRIMI EFFETTI DEL D.L. 98/2011 (MANOVRA FINANZIARIA)


Pubblicato in data 08/07/2011, nelle categorie:

STAMPA QUESTO ARTICOLO


L’art. 19 del D.L. 98/11 prevede ai commi 4 e 5 innovazioni riguardo alla organizzazione scolastica, disponendo, a decorrere dall’a.s. 2011/2012, la generalizzazione sul territorio nazionale della verticalizzazione delle scuole del 1° ciclo (infanzia, primaria e scuola media di I grado), con il loro accorpamento in istituti comprensivi con almeno 1.000 alunni, ridotti a 500 per le istituzioni site nelle piccole isole, nei comuni montani, nelle aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche.
La stessa norma prevede che “alle istituzioni scolastiche costituite con un numero di alunni inferiore a 500 unità, ridotto fino a 300 per le istituzioni site nelle piccole isole, nei comuni montani, nelle aree geografiche caratterizzate da specificità linguistiche” non potranno più essere assegnati dirigenti scolastici con incarico a tempo indeterminato.
Il MIUR, con la nota 7 luglio 2011, prot. 5648, a firma del dott. Chiappetta, dà indicazioni ai Direttori generali degli UU.SS.RR. perché nell’emanazione dei provvedimenti, relativi ai conferimenti e mutamenti di incarico per il prossimo a.s., tengano conto di quanto disposto nei commi 4 e 5 dell’art. 19, dando priorità, nell’individuazione delle sedi disponibili per le predette operazioni, “alle istituzioni scolastiche secondarie di II grado e agli istituti comprensivi”.
Tale indicazione discende dalla constatazione che i piani di dimensionamento sono di competenza regionale e necessitano di tempi tecnici per la loro approvazione. Nella stessa nota è chiarito che le istituzioni con meno di 500 alunni e quelle con meno di 300, in riferimento alle previsioni della legge, non possono essere destinatarie di incarichi di dirigenza scolastica, ma devono essere assegnate in reggenza. Riportiamo il testo della nota in questione.


Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca
Dipartimento per l’Istruzione
Direzione Generale per il Personale scolastico - Ufficio II

Prot. n. AOODGPER.5648
Roma, 7 luglio 2011

Ai DIRETTORI GENERALI
degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI


Oggetto: Operazioni di conferimento e mutamento di incarico - Dirigenti scolastici - A.S. 2011/2012.

A seguito dell’emanazione del Decreto Legge n. 98 del 6 luglio 2011 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 155 del 6 luglio 2011 - si rappresenta che, a decorrere dall’a.s. 2011/2012, è prevista l’aggregazione in istituti comprensivi delle scuole dell’infanzia, delle scuole primarie e delle scuole secondarie di primo grado con la conseguente soppressione delle istituzioni scolastiche autonome costituite separatamente da direzioni didattiche e scuole secondarie di primo grado. Atteso che tale disposizione può essere attuata m
ediante i piani regionali di dimensionamento ed in considerazione delle prossime operazioni di conferimento e mutamento di incarico per l’a.s. 2011/2012 si invitano le SS.LL., nell’individuazione delle sedi disponibili per le operazioni suddette, a dare priorità alle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado e agli istituti comprensivi.
Per quanto riguarda le istituzioni scolastiche autonome con un numero di alunni inferiore a 500 unità, ridotto fino a 300 per le istituzioni site nelle piccole isole, nei comuni montani e nelle aree geografiche con specificità linguistiche, le stesse non possono essere più sede di dirigenza scolastica e devono essere conferite in reggenza a dirigenti scolastici in servizio presso altre istituzioni scolastiche autonome. Si invitano, altresì, le SS.LL., nelle operazioni di conferimento e mutamento di incarico, a non ricomprendere le suddette istituzioni scolastiche sottodimensionate nel novero delle sedi disponibili, considerata l’immediata operatività di questa ultima previsione.

IL DIRETTORE GENERALE
F.to Luciano Chiappetta