PENSIONANDI E FONDO CREDITO INPS


Pubblicato in data 27/11/2018, nelle categorie: Pensione,

STAMPA QUESTO ARTICOLO


Si ricorda ai pensionandi  che l'adesione al Fondo Credito è facoltativa ma deve essere chiesta entro l'ultimo giorno di servizio.

Chi, una volta valutata la convenienza o meno, desidera aderire per il resto della vita pensionistica al fondo, deve esprimere tale volontà nella domanda di pensione indirizzata all'Ente di previdenza, mettendo un segno di spunta nella casella “ di aderire a Fondo Credito”.

Si ricorda che in attività di servizio la ritenuta, come si può evincere dal cedolino, è dello 0,35% e da pensionati si riduce allo 0,15 %.

Le percentuali sono da calcolare sul lordo mensile sia dello stipendio che della pensione.

Vantaggi: aderendo al Fondo Credito, un pensionato con un lordo mensile di € 2.000  avrà una trattenuta mensile di € 3.00.

Avrà, altresì, la possibilità continuare ad usufruire, come quando era in servizio, delle richieste:

  • per piccoli prestiti: fino a due mensilità, senza richiesta di alcuna documentazione;
  • prestiti pluriennali quinquennali: restituibili in 60 rate mensili;
  • prestiti pluriennali decennali: restituibili in 120 rate.

I prestiti pluriennali, contrariamente a quanto previsto per i piccoli prestiti, sono finalizzati per sostenere delle spese rientranti in uno specifico elenco (quinquennali o decennali). Sono comunque previste richieste di specifiche documentazioni.

Si invitano gli interessati a valutare bene la situazione, tenendo anche in considerazione la possibilità di utilizzare queste procedure per aiutare economicamente i figli.