DECRETO DIGNITA’. MARGIOTTA (CONFSAL): SUBITO UNA CABINA DI REGIA PER MONITORAGGIO


Pubblicato in data 09/08/2018, nelle categorie: Personale e Scuola,

STAMPA QUESTO ARTICOLO


DECRETO DIGNITA’. MARGIOTTA (CONFSAL): SUBITO UNA CABINA DI REGIA PER MONITORARNE GLI EFFETTI

“Dopo la conversione in legge del Decreto Dignità la CONFSAL propone di istituire in tempi rapidi una Cabina di regia per monitorare gli effetti complessivi del provvedimento sul mercato del lavoro e le scelte effettive operate dalle imprese. Fin dal primo momento abbiamo evidenziato le criticità sul Decreto Dignità avanzando nel contempo proposte migliorative nell’ottica di una critica che sia sempre costruttiva”.

In tale prospettiva si pone la proposta odierna lanciata da Angelo Raffaele Margiotta, Segretario Generale della CONFSAL, dopo l’approvazione del decreto Dignità da parte del Senato.

“La cabina di Regia servirà a fare in modo che gli effetti della stretta sui contratti a termine, attuata con la riduzione temporale della durata massima del contratto a tempo determinato da 36 a 24 mesi, il ripristino delle causali e l’incremento degli oneri connessi ai rinnovi dei contratti a tempo determinato, possano essere esaminati in tempi rapidi per verificare, in maniera laica e priva di preconcetti ideologici, se si sta procedendo sulla strada giusta”, ha proseguito Margiotta.

 

DECRETO “DIGNITÀ” – NOTA AL MINISTRO BUSSETTI

Abbiamo inviato ieri al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca la nota che trascriviamo di seguito:

 

 

 

 

 

Roma, 8 agosto 2018

Prot.  272–Segr/ES/D.Dignità_Bussetti_080818

 

Al  Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Marco Bussetti

 

 

Oggetto:   Decreto “Dignità”

 

 

On. Ministro,

l'approvazione in via definitiva da parte del Senato del Decreto “Dignità” chiude una partita complessa e controversa sulla quale lo SNALS-CONFSAL ha più volte espresso il proprio parere e chiesto correttivi.

E' innegabile che l'Art. 4 risolva una serie di criticità venutesi a creare anche per effetto di sentenze contrastanti del Consiglio di Stato.

Lascia tuttavia aperti alcuni problemi che necessitano di soluzioni urgenti anche per dare sostanza alle disposizioni del citato Art. 4.

“In primis” va detto che l'indizione di un concorso riservato per i docenti di scuola dell'Infanzia e/o Primaria (diplomati o laureati) con due anni di servizio nell'ottennio troverà piena applicazione solo in presenza di posti in organico adeguati, altrimenti diverrà l'ennesima graduatoria che creerà speranze destinate a trasformarsi in delusioni.

Il problema degli organici è importantissimo, così come un nuovo equilibrio espansivo al Sud.

Del resto, nell'audizione alle Camere del 18 luglio scorso, la S.V., illustrando le linee programmatiche del Suo Dicastero, ha avuto modo di soffermarsi a lungo sul tema dell'inclusività, che non può tradursi in meri atti programmatori da parte delle scuole, ma deve trovare le condizioni di fattibilità anche nell'adeguatezza dell'organico, così come nel tempo-scuola che, al Sud soprattutto, va realizzato intervenendo a sostegno degli Enti Locali o creando le condizioni perché lo Stato o le Regioni organizzino quei servizi che i Comuni, per carenza di fondi, non possono realizzare.

In tal modo si otterrebbe un duplice positivo effetto: da un lato maggiori potenzialità di crescita degli alunni e, dall'altro, speranze concrete di occupazione per i Docenti, che non sarebbero più costretti all'emigrazione al Nord per poter lavorare.

In tale ottica, le restrizioni poste dal Ministero dell'Economia sulle assunzioni degli Educatori, che ha ridotto il numero rispetto a quello del normale ricambio pensionamenti/assunzioni, sono assolutamente negative ed inaccettabili.

Lo SNALS-CONFSAL intende altresì sottolineare positivamente l'abrogazione, disposta dall'Art. 4 bis del Decreto “Dignità”, del comma 131 art. 1 L. 107/15 che impediva di attribuire supplenze annuali fino al 31 agosto oltre i tre anni, ma non può non far notare che non giunge alla conclusione sperata: l'assunzione con contratto a tempo indeterminato del personale.

La semplice abrogazione del comma 131, a parere dello SNALS-CONFSAL, potrebbe creare una serie di problemi notevoli con l'Europa, che, in sostanza, ha imposto un limite ai contratti a tempo determinato.

D'altro canto, questo tipo di soluzione, lasciata nell'indeterminatezza, non risponde certo alle finalità dell'intero decreto “Dignità”.

Come sempre lo SNALS-CONFSAL si dichiara disponibile ad un fattivo confronto per risolvere i problemi sopra indicati.

Con viva cordialità.

 

Il Segretario Generale

(Elvira Serafini)

 

“Chiediamo infine al Governo Conte di prestare una rinnovata attenzione alla Pubblica Amministrazione dal momento che, non bisogna dimenticarlo, deve rappresentare una leva strategica per la crescita e lo sviluppo economico del Paese. Per questo la CONFSAL propone di mettere in campo misure adeguate per contrastare le inefficienze della macchina amministrativa, prima fra tutte lo sblocco del turnover dei dipendenti pubblici”, ha concluso Margiotta.

Roma, 9 agosto 2018