INCONTRO AL MIUR SULLA SITUAZIONE PAS: LO SNALS-CONFSAL DENUNCIA


Pubblicato in data 26/02/2014, nelle categorie: Personale e Scuola, Formazione e concorsi,

STAMPA QUESTO ARTICOLO


INCONTRO AL MIUR SULLA SITUAZIONE PAS: LO SNALS-CONFSAL DENUNCIA L’INSOSTENIBILE STATO DI INCERTEZZA IN CUI SI TROVA IL PERSONALE INTERESSATO

L’incontro si è aperto con una buona notizia che, se sarà confermata nei fatti, risolverebbe uno dei problemi più gravi sul tappeto: quella dell’attivazione da parte delle università dei corsi relativi alla scuola primaria e dell’infanzia.

E’ stato comunicato, infatti, che, negli incontri svoltisi al MIUR, i responsabili dell’università di scienze della formazione hanno assicurato l’attivazione dei corsi anche con il coinvolgimento di altri dipartimenti dell’università che hanno disponibili le professionalità necessarie; in questi giorni sarà presentato un progetto specifico al riguardo.

Per tutte le altre tematiche, i rappresentanti dell’Amministrazione hanno confermato che verranno attivati i PAS per tutte le classi di concorso, ITP compresi, ma non hanno fornito alcun elemento concreto a supporto di questa affermazione. Non è stato fornito neppure un quadro di sintesi della situazione, indicando per quali tipologie e per quali territori non si è ancora concretizzata la possibilità di attivazione.

E’ stata, infine, comunicata l’imminente uscita di una nota che dovrebbe facilitare l’utilizzo delle 150 ore del diritto allo studio per consentire e facilitare la frequenza dei PAS da parte del maggior numero di docenti.

La delegazione dello SNALS-CONFSAL nel suo intervento ha, tra l’altro, denunciato con fermezza:

Ø      l’incompletezza dell’informazione in relazione ai corsi immediatamente attivabili;

Ø      la genericità della affermata garanzia di attivazione per tutti;

Ø      il mancato ricorso a tutti gli strumenti giuridici a disposizione del MIUR per l’attivazione dei PAS sia in sede regionale che interregionale;

Ø      la assoluta mancanza di garanzia della frequenza da parte dei docenti impegnati nell’attività di docenza nelle scuole;

Ø      l’eccessivo costo a cui sono sottoposti i docenti interessati;

Ø      la confusione che esiste sul territorio ove si è in presenza di corsi che sono stati attivati senza la necessaria preventiva autorizzazione.

Qualora non venissero date in tempi brevi risposte certe a questi e agli altri problemi che attengono l’attivazione e lo svolgimento dei corsi, lo SNALS-CONFSAL valuterà le possibili  iniziative da intraprendere a tutela del personale coinvolto.

L’Amministrazione si è impegnata a fornire risposte certe nella prossima riunione.